Set 112017
 

Non esistendo un vero e proprio tempo futuro, per parlare di eventi e azioni che devono ancora avvenire, in inglese è possibile usare diverse forme, tra tutte will e going to.

Will o Going to? Esprimere decisioni istantanee (will)

Si usa will per esprimere la decisione istantanea da parte del soggetto di compiere una particolare azione. Vediamo alcuni esempi concreti:

The phone is ringing.”  “I’ll answer it.

“Sta squillando il telefono.”  “Rispondo io.”

Someone is knocking.”   “I’ll open the door.”

“Qualcuno sta bussando.” “Vado ad aprire io.”

Come vedete in entrambi i casi, la persona che risponderà o che aprirà la porta ha praticamente preso la decisione di compiere le due azioni nel momento stesso in cui si stava parlando. In questi casi, si usa will (‘ll ne è la forma contratta), il quale, è opportuno ricordarlo, è sempre seguito da un verbo all’infinito senza to. In questo caso non si può usare going to.

Will o Going to? Previsioni future (will)

Per esprimere una previsione generale legata a eventi futuri, si usa will. Spesso in questi casi la frase con will è preceduta da una proposizione con verbi di giudizio o espressioni che esprimono possibilità o probabilità.

I think it will soon start to rain.

Penso che inizierà presto a piovere.

We hope you will not be late for work.

Spero che non farai tardi al lavoro.

I guess she’ll have to change her plans.

Mi sa che dovrà cambiare i suoi piani.

Perhaps she won’t come.

Forse non verrà.

Da notare che la forma contratta di will not è won’t, come illustrato nell’ultimo di questa serie di esempi.

Will o Going to? Intenzione (going to)

Quando invece si vuole esprimere l’intenzione da parte del soggetto di compiere un’azione nel futuro, si usa going to. Non dimenticate che nei testi delle canzoni potreste spesso trovare la forma contratta gonna.

The Proclaimers - autori di I'm gonna be (500 miles)

The Proclaimers – autori di I’m gonna be (500 miles)

I’m going to tell him what I really think about him.

Ho intenzione di dirgli ciò che penso di lui.

She’s sure she’s going to be a teacher when she grows up.

E’ sicura di voler fare l’insegnante da grande.

I’m gonna be (500 miles).

Sarò (a 500 miglia). Titolo di una famosa canzone dei Proclaimers.

 

Will o Going to? Inevitabilità di un evento futuro (going to)

Going to si usa inoltre per parlare di eventi i quali, sulla base delle “prove” a disposizione, sembrano ormai prossimi ad accadere.

Look at those black clouds. It’s going to rain.

Guarda quelle nuvole nere. Sta per mettersi a piovere.

Those two men are very angry. They’re going to fight!

Quei due uomini sono molto arrabbiati. Si metteranno le mani addosso!

In questi casi non sarebbe stato scorretto l’uso di will, ma  semplicemente, quando si vuole rendere l’idea di “inevitabilità” di un certo evento, è molto più preciso usare going to.

Approfittiamo dell’occasione per ricordare che nei casi di azioni future già programmate è anche possibile usare il Present Continuous, purché sia presente nella frase un’espressione di tempo futura.

E’ tutto per oggi. Dubbi chiariti? In caso non lo fossero, contattateci! Bye bye!

Photo by Michiel1972

 

 

 

 Leave a Reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>