Gen 312015
 

E’ uno dei brani più noti della storia del rock. E’ il più suonato negli stadi americani in occasione di eventi sportivi. Chiunque, anche se non conosce la canzone, ha familiarità con il suo leggendario stomp-stomp-clap iniziale… Ma qual è l’origine di We Will Rock You, famosissimo brano dei Queen del 1977?

Prima di rivelarvi il segreto, vediamo di spiegarne il significato strofa per strofa.

Testo, traduzione e spiegazione di We Will Rock You

 

1a strofa

Buddy, you’re a boy make a big noise
Playin’ in the street gonna be a big man some day
You got mud on yo’ face
You big disgrace
Kickin’ your can all over the place
Singin’

Amico, sei un ragazzino che fa tanto rumore
giocando in strada; un giorno sarai un grand’uomo.
Hai del fango in faccia.
Sei proprio una disgrazia
A bighellonare in giro
Cantando
A parte le forme contratte (yo’ = your; playin’ / kickin’ / singin’ = playing; singing; kicking) è interessante parlare della parola Buddy, che apre tutte e tre le strofe.

Testo, Traduzione e Significato di We Will Rock You

Testo, Traduzione e Significato di We Will Rock You

Abbiamo deciso di tradurla con “amico”, termine molto comune anche nei doppiaggi da film inglesi e americani. In realtà, però, difficilmente in italiano ci si rivolge così a una persona, conosciuta o sconosciuta che sia. In inglese, tuttavia, è molto abituale rivolgersi all’interlocutore con parole quali buddy, mate (specialmente in UK), man (più frequente negli USA).

Difficile anche tradurre kickin’ your can all over the place. Letteralmente significherebbe: “A prendere a calci una lattina da una parte a un’altra.” Trattandosi di un ragazzino, la traduzione potrebbe anche avere un senso: quante volte, infatti, da adolescenti (o anche dopo) ci siamo divertiti a prendere a calci lattine, bottiglie di plastica, ecc?

Kick the can down the road, tuttavia, in  inglese americano ha assunto il significato di: “Posticipare una decisione / Attendere prima di prendere una decisione definitiva”.. Sebbene i Queen fossero inglesi e non americani, quest’ultimo significato sembra alquanto calzante: in fondo, stiamo parlando di un ragazzino che passa il tempo a maramaldeggiare e “bighellonare”, appunto, pensando, probabilmente, di avere ancora tanto tempo davanti a sé prima di indirizzare la propria vita in un modo o in un altro e, di nuovo, alzi la mano chi non ha fatto un’esperienza della serie: “Lo farò domani, c’è tempo”… Ma andiamo avanti.

Testo, traduzione e spiegazione di We Will Rock You

2a strofa

Buddy you’re a young man hard man
Shoutin’ in the street gonna take on the world some day
You got blood on yo’ face
You big disgrace
Wavin’ your banner all over the place

Amico, sei un giovane, un duro
Gridando in strada un giorno ti prenderai il mondo sulle spalle
Hai del sangue sulla faccia
Sei proprio una disgrazia
A sventolare ovunque il tuo striscione

To take something on (nel caso di We Will Rock You: “take on the world”) è un phrasal verb che significa “assumersi una responsabilità”. Degno di nota il verbo to shout (“urlare” nel senso di parlare a voce molto alta) che si distingue da to scream (“gridare per la paura”). Un paio di parole anche su banner, termine che oltre all’oggetto fisico dello “striscione” viene anche usato per designare uno spazio su una pagna web.

Testo, traduzione e spiegazione di We Will Rock You

3a strofa

Buddy you’re an old man poor man
Pleadin’ with your eyes gonna make you some peace some day
You got mud on your face
Big disgrace
Somebody’d better put you back into your place

Amico, sei un vecchio
Implorando con gli occhi avrai pace un giorno
Hai del fango sulla faccia
Gran disgraziato
Qualcuno dovrebbe rimetterti al tuo posto

To plead, “supplicare”, “implorare”, è anche usato nel lessico giuridico in espressioni come to plead guilty, “dichiararsi colpevole”. L’ultimo verso contiene il modale had better (contratto qui in ‘d better), usato per dare un consiglio, come in questo caso.

Volutamente, abbiamo lasciato per ultimo il ritornello we will rock you (ripetuto due volte alla fine di ogni strofa). Spesso la canzone e il ritornello che le danno il titolo sono state considerate inni alla ribellione e a uno stile di vita rock’n’roll. Nulla di tutto ciò.

Come chiarì lo stesso Brian May, chitarrista dei Queen e autore della canzone, in un’intervista a ESPN We Will Rock You ha in realtà un contenuto piuttosto malinconico, raccontando in sintesi nelle tre strofe la vita di un ragazzo che passa da sogni di gloria a una gioventù ribelle ma senza una méta precisa a una vecchiaia piena di mancate realizzazioni. Il ritornello invece altro non è che la traduzione di una ninna nanna in lingua céca, nella quale we will rock you significa “ti culleremo” (to rock, “scuotere avanti e indietro” o “cullare”, appunto)…

Una frase buttata lì in pochi secondi ha trasformato una canzone in una pietra miliare della storia della musica. In fondo, come dice la voce narrante del Perozzi nel film di casa nostra Amici Miei: “Che cos’è il genio? E’ fantasia, è intuizione, decisione e velocità d’esecuzione”.

Continuate a leggerci, noi vi culleremo…

 Leave a Reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>