Gen 212015
 

Era da qualche tempo che non ci regalava perle linguistiche, ma a Davos il premier Matteo Renzi si è di nuovo scatenato. Rispetto ai balbettii e ai silenzi imbarazzanti a Venezia di qualche mese fa, o rispetto ai MichaelAngelo and LIonardo di qualche anno fa, le cose vanno meglio, dobbiamo ammetterlo. Tuttavia, l’effetto “pallina da tennis in bocca” mentre parla (nel senso che ha l’agilità linguistica di un neonato con una palla da tennis tra le labbra) davanti alla platea è ancora ben visibile così come gli strafalcioni. Eccone qualcuno:

Renzi e l'Inglese

Renzi e l’Inglese

00:56″   “Possibility to choice the leader.” Forse voleva dire choose.

01:10″   “(ahahah) ma come dice because?”  Gli stavano per caso facendo il solletico ai piedi?

01:17″  “a stabil (o almeno questo sembra che dica) period.” Stabil come le matite Stabilo oppure stable? Agli storici il compito di stabil-ire la verità.

01: 31″ “I prefer image my country as…” Tradotto: “Preferisco immagine mio paese come…”

02:37″  “The reason for the which we change this country.” Da quando davanti a un pronome relativo si usa l’articolo?

02:26: “Italy will be an innovation lab and not a museum.” Qui invece mi permetto una considerazione sul contenuto: è una disgrazia davvero così grande se in Italia abbiamo la fortuna di avere mal contata la metà del patrimonio storico e artistico europeo per non dire mondiale? Ce ne fossero di innovation lab che puntassero a salvaguardarli i nostri musei anziché lasciarli cadere a pezzi… Bye bye!

PS

Il video è questo:

 Leave a Reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>