Apr 252015
 

I want a ticket for the pullman to London Victoria. Se esordite con questa richiesta all’ufficio informazioni all’areoporto londinese di Gatwick, la reazione che otterrete sarà di un povero impiegato con gli occhi strabuzzanti. Il concetto di sportello pubblico da quelle parti è un po’ diverso rispetto a noi e quindi in risposta non otterrete esplicitamente un What the f**k? (che in italiano sarebbe che “c***o vuol dire?” ), ma il sottotesto – ve lo dico per esperienza personale – sarà quello.

National_Express_route_A6Sì, perché nelle svariate esperienze di viaggi inglesi, mi è capitato, ovviamente, di dover comprare un biglietto del pullman (in Inghilterra estremamente più conveniente rispetto al treno) per effettuare uno spostamento. E, con la sorpresa che forse state provando voi, nel pronunciare tale parola mi sono reso conto che si trattava di uno di quei termini pseudo-inglesi entrati nell’italiano non si sa bene come (ho anche eseguito le mie diligenti ricerche online senza trovare risposte troppo soddisfacenti al riguardo).

Il pullman, in inglese, è in realtà il coach. Victoria coach station, in pieno centro a Londra, è la stazione principale dalla quale partono e verso la quale si dirigono che collegano le città più periferiche alla capitale inglese. Ma come, coach? Ora, spaventati, penserete che nemmeno coach sia in effetti il coach, ovvero l’allenatore, termine entrato anche nella nostra lingua. Non preoccupatevi: Mourinho, Ancelotti e Popovych, per chi sa di basket NBA, sono tutti degli ottimi coach.

Divertente è anche il caso di camion. Nuovamente, in più circostanze, sui volti stupefatti degli studenti si è dipinto lo stupore quando ho fatto presente che quello che noi chiamiamo camion è in inglese truck (esiste anche la variante più britannica lorry). In realtà, cercando sul dizionario online WordReference, camion viene dato come possibile termine inglese, ma, consultando dizionari monolingue, nessuno citava il termine. Al massimo, ho riscontrato come on, che però ha un significato un po’ diverso! Ma perché, allora, camion? Per quanto anglofili, noi italiani sappiamo attingere anche ad altri serbatoi, in questo caso quello della lingua francese, da cui deriva la parola usata come sinonimo di autocarro.

In ultimo, spostandoci alla finanza e all’economia, il termine tecnico holding, da noi usato per designare una società che possiede quote di un’altra, in inglese non viene compreso o, perlomeno, per esserlo necessita di essere seguito dal termine company di holding company… That’s it for today. Bye bye!

 

 Leave a Reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>