Inglese australiano – 7 espressioni idiomatiche

 In magazine

L’inglese australiano è diverso dall’inglese britannico o dall’inglese americano? Quanto diverso? In quale modo? Quali sono le espressioni idiomatiche dell’inglese australiano più frequenti?

Con Australian English si designa una varietà di inglese parlata nel subcontinente Down Under – espressione che in inglese si riferisce ad Australia e Nuova Zelanda – che presenta alcune differenze rispetto al British English che normalmente studiamo nelle scuole italiane. Tuttavia, non è il caso di preoccuparsi eccessivamente: le differenze risultano più marcate in contesti molto colloquiali o informali. Se invece vi troverete a parlare con degli australiani per lavoro, vorrete leggere articoli di giornali e riviste australiane, studiare su libri di testo scolastici e universitari australiani, ecc. non incontrerete particolari problemi di comprensione…. Purché ovviamente abbiate una buona base di inglese!

Inglese australiano – espressioni idiomatiche

Come anticipato prima, quando il livello della conversazione è particolarmente informale o colloquiale è molto più facile imbattersi in espressioni tipiche di una certa zona o di una certa fascia d’età o gruppo sociale. Ripetiamo: non c’è da preoccuparsi, è quanto vi succede normalmente anche quando vi trovate a trascorrere del tempo in una regione italiana diversa dalla vostra e che quindi presenta delle particolarità, a livello di conversazione colloquiale, a cui dovete fare l’orecchio. Vediamo dunque una lista di espressioni… Ne abbiamo scelte alcune che ci sembrano particolarmente Detto ciò, a livello più colloquiale, l’inglese australiano presenta delle caratteristiche “di eccentricità” che forse non avete mai letto nei testi scolastici. Ecco quindi una breve lista di parole ed espressioni in inglese australiano la cui conoscenza vi permetterà di sembrare dei perfetti Aussie.

1 Have a Captain Cook

Have a Captain Cook, ovvero Have a look. Nel caso di questa espressione idiomatica dell’inglese australiano si gioca, per assonanza, sulla rima tra cook e look. La cosa non ci è totalmente nuova, in quanto avevamo già parlato a proposito del Cockney Rhyming Slang in un precedente articolo.

2 Blimey

Questa esclamazione è usata anche nell’inglese britannico. Si usa per esprimere stupore o sorpresa. A differenza della parola f***, blimey non è considerata una parola offensiva. Diciamo che corrisponde, più o meno, al nostro: “Caspita!” Potreste anche sentire un’espressione equivalente: Crikey!

3 Un’espressione idiomatica australiana per il pub

One for the road! Se sentite questa espressione – usata peraltro anche nell’inglese britannico – significa che la serata è prossima alla conclusione e quindi, prima di uscire dal locale in cui ci si trova, si ordina un ultimo drink… Per avere un po’ di compagnia sulla strada di casa – ovviamente quando non si guida!

4 Gone walkabout

Anche questa, come la precedente, è un’espressione piuttosto informale: “My friend’s gone walkabout for one week” significa che il mio amico non si fa vivo o non si vede da una settimana.

5 No Wukkas!

Si usa questa espressione quando si vuol dire a qualcuno di non preoccuparsi… Praticamente No Wukkas = No worries o Don’t worry.

 

6 Better than a kick up the backside

In inglese britannico esistono delle alternative a questa espressione idiomatica australiana: better than a kick in the a**e oppure better than a slap in the face… In italiano: “Meglio di niente”. E’ possibile anche la variante better than a ham sandwich.

 

7 G’day – espressione idiomatica tipica dell’inglese australiano

Forse l’espressione idiomatica australiana più conosciuta… E’ il saluto dell’inglese australiano che equivale a “Hi” o “Hello”.

Il modo in cui pronuncerete G’day farà quasi certamente capire agli australiani che non siete nativi del luogo… Chi scrive ha provato tantissime volte a pronunciarlo “all’australiana” ma c’è sempre qualche piccola sfumatura che evidentemente lo rende un assoluto trademark della gente del posto, tanto da essere usato come saluto iniziale alla cerimonia di apertura delle Olimpiadi di Sydney. Parliamo quindi dell’ormai lontano – ahinoi – 2000… A questo punto, provare l’Australia per credere!

Post recenti

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.