Imparare l’Inglese per Cambiare il Proprio Settore Lavorativo… In Italia

 In Imparare l'Inglese Magazine, Interviste

È grazie all’altro mio lavoro, quello di spedizioniere, che ho mantenuto e migliorato il mio inglese, il che è stato fondamentale nella realizzazione di questo progetto.

Giovane liutaio (per ora part time) genovese, Paolo Sussone è il curatore di The Acoustic Guitar Project, un’iniziativa partita da un musicista statunitense di nome Dave Adams ed estesasi con successo a 34 città (ma il numero è in costante crescita) in tutto il mondo; una delle prossime tappe sarà, appunto, il capoluogo ligure.

Imparare l'Inglese - Esperienza di un Liutaio Genovese

Imparare l’Inglese – Esperienza di un Liutaio Genovese

Per quanto riguarda la mia esperienza all’interno del progetto, il tutto è partito da un annuncio – in inglese – che ho letto tramite un gruppo al quale ero iscritto su LinkedIn. L’idea è tanto semplice quanto coinvolgente: Dave Adams, un chitarrista di New York, cerca un liutaio per costruire una chitarra in varie città in giro per il mondo. Lo scopo è che la stessa chitarra venga suonata da dieci diversi musicisti residenti nella zona del liutaio e che hanno il compito di scrivere in una settimana una canzone che devono poi registrare live, senza quindi bisogno di uno studio di registrazione. Una volta registrata la canzone, il chitarrista di turno firma lo strumento e lo passa a quello successivo.”

 

E hai pensato che quel liutaio e curatore del progetto a Genova potevi essere tu.

 

Sì, l’idea mi è piaciuta tantissimo: si tratta di mettere insieme diverse persone e comunque valorizzare un progetto e prodotti di qualità, quindi quale migliore occasione di creare valore nella società in un campo per il quale ho una grande passione? Tra l’altro, sono andato oltre, nel senso che ho organizzato due concerti a La Claque, a Genova, durante i quali, cinque alla volta, si esibiranno i dieci musicisti coinvolti nell’Acoustic Guitar Project. Le date sono due: 8 novembre e 6 dicembre… E spero che nella seconda occasione anche Dave Adams ci possa raggiungere.

 

Lavorare come liutaio e importanza di imparare l’inglese: puoi spiegarci come si legano i due concetti?

 

Beh, è abbastanza evidente che tramite la conoscenza e la comunicazione in lingua inglese le opportunità che si aprono sono di gran lunga superiori rispetto al mercato che si può trovare limitandosi all’italiano e quindi all’Italia. Anche perché, ahimé, ho constatato che in Italia anche a livello professionistico molto spesso manca la volontà da parte di alcuni musicisti di puntare su prodotti di grande qualità – mi riferisco alle chitarre acustiche. Diversissimo è invece il caso degli Stati Uniti, un paese nel quale la mia professione prospera, in quanto i chitarristi di professione puntano alla massima qualità dello strumento: se si desidera raggiungere quella clientela, quindi, la conoscenza dell’inglese è fondamentale. Tra l’altro, credo che in generale nella nostra così come in altre categorie professionali, dovremmo sviluppare e approfondire il concetto di coopetizione, anziché quello di competizione, collaborando tra artigiani allo scopo di offrire la qualità migliore possibile, senza invece perderci in stupide invidie che hanno tanto l’aspetto di guerre tra poveri.

Alcuni link utili per approfondire:

www.sussoneguitars.com

www.theacousticguitarproject.com

Appuntamento per sabato 8 novembre a La Claque, Genova. See you there!

Post recenti

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.