Gen 132015
 

Forme contratte in inglese: quali sono e quando usarle?

Questo è un argomento sempre piuttosto spinoso per gli studenti italiani di lingua inglese, spesso perplessi riguardo all’opportunità e alla correttezza delle cosiddette in inglese short forms. In generale, ricordate il seguente consiglio: le forme contratte possono essere usate in contesti informali, mentre per comunicazioni – specialmente scritte – formali è preferibile, per non dire obbligatorio, usare le full forms.

Non avrete infatti mai modo di leggere un contratto, un documento o il testo di una legge che usi le forme contratte in inglese, mentre è possibile/probabile che per esempio nei testi delle canzone vi troviate di fronte a short forms che talvolta possono mettervi in difficoltà. Vediamo quindi di seguito alcuni degli esempi più ricorrenti:


aren’t  = are not

isn’t = is not

haven’t = have not

ain’t = può essere usato in luogo di ciascuna delle voci appena menzionate

don’t = do not

doesn’t = does not

didn’t = did not

can’t = cannot

couldn’t = could not

‘ll = will

won’t = will not

wouldn’t = would not

mustn’t = must not

shouldn’t = should not

Oppure anche:

wanna = want to

gonna = going to

lotta = a lot of

gotta = have got to e quindi must

Forme Contratte

Forme Contratte

La lista come vedete è molto lunga e peraltro non contiene nemmeno tutte le forme contratte in inglese, ma soltanto quelle di gran lunga più comuni… Se avete ulteriori questioni o dubbi, contattateci. See you soon!

 Leave a Reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>