Ago 082013
 

LE 5 CANZONI PER IMPARARE L’IMPERATIVO IN INGLESE

L’imperativo è il modo – in inglese mood – verbale che viene usato per esprimere dei comandi: l’ordine che viene impartito può ovviamente riguardare sia il fare sia il non fare una determinata azione.

Imparare l'Inglese- Imperativo

Imparare l’Inglese- Imperativo

È molto semplice formare l’imperativo in inglese: basta usare la forma base del verbo, per cui se il verbo è to go l’imperativo è Go! mentre con il verbo to come avremo Come! e le forme negative saranno Don’t go! e Don’t come! (possibili anche le fome estese do not go e do not come).

Ma basta ora con le spiegazioni teoriche. Per imparare l’inglese, nello specifico l’imperativo, in modo più leggero e divertente facciamo, parlare cinque stupende canzoni note a tutti – o quasi.

 Come Imparare l’Inglese: l’Imperativo in 5 canzoni.

 

1° posto: Don’t Worry Be Happy di Bobby McFerrin… E non poteva essere altrimenti. Chi non la conosce? Ci piace molto per due motivi.

Il primo è didattico: già nel titolo vengono illustrate la forma negativa e quella affermativa dell’imperativo in inglese. Don’t Worry, “non preoccuparti”, dal verbo to worry e Be Happy, “sii felice”, dal verbo to be. Il secondo è per il messaggio positivo espresso dal titolo e in generale da questa canzone.

2° posto: Imagine  di John Lennon. Un inno universale alla pace e a una società gioiosa e armoniosa ha come titolo un imperativo, quello del verbo to imagine, “immaginare”. Se in italiano distinguiamo tra imperativo di seconda persona singolare e plurale “immagina” e “immaginate”, in inglese lo you a cui è rivolto l’ “imagine” di John Lennon può leggersi sia come un appello a un “tu” sia a un “voi”.

3° posto: Don’t Stop Me Now dei Queen. Freddie Mercury lo cantava a squarciagola l’imperativo “Non fermatemi adesso”. La canzone fu scritta da lui stesso e uscì nel 1979. In quegli anni la carriera e la fama dei Queen – le cui canzoni peraltro mi hanno dato una grossa mano a imparare l’inglese – erano in continua ascesa per cui chi si sarebbe sognato di fermare la leggendaria band inglese?

4° posto: Let’s Twist Again di Chubby Checker, del 1961. Dal punto di vista grammaticale il titolo è interessante perché offre un esempio di imperativo di prima persona plurale, che si forma facendo precedere let’s (let’s not o don’t let’s sono le possibili forme negative) alla forma base del verbo. “Balliamo ancora il twist” è un imperativo in voga ancora oggi … Altro esempio analogo è Let’s Get It Started dei Black Eyed Peas, titolo grossomodo traducibile con: “Iniziamo” o “Facciamolo iniziare”.

5° posto: Dont’ You Forget About Me dei Simple Minds. A volte, per enfatizzare l’imperativo, è possibile aggiungere il pronome personale you; sarebbe stato anche corretto, ovviamente, il semplice don’t forget.

 “Non dimenticarti di me” cantava Jim Kerr, senza probabilmente sospettare neppure lontanamente che la sua canzone sarebbe diventata argomento di lezione su come imparare l’inglese divertendosi…

Da non dimenticare, infine, Simple Man dei Lynyrd Skynyrd. Per quanto il titolo non contenga imparativi, il testo della canzone – lyrics in inglese – offre diversi esempi: Don’t live too fast, Be a simple kind of man, ecc…

That’s it for today. Bye bye!

 Tagged with:

 Leave a Reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>