B1 di inglese: cosa studiare e cosa sapere

 In Certificazioni, magazine

B1 di inglese: accesso a università e crediti formativi

Devo raggiungere il B1 di lingua inglese: che cosa studiare? Quali passi devo intraprendere? Innanzitutto, è bene chiarire nuovamente che con B1 si indica un livello di competenze stabilito dal cosiddetto Quadro Europeo di Riferimento per le Lingue (QCER), noto anche agli addetti ai lavori come Common European Framework (CEFR).

Dei livelli del CEFR si  è iniziato a parlare molto spesso di recente: più che al B1 si fa più spesso riferimento al B2, il livello immediatamente più alto. Per esempio, infatti,,qualche mese fa un concorso INPS prevedeva, tra i requisiti di partenza, il possesso di una certificazione di livello B2 di lingua inglese, escludendo quindi dall’accesso al concorso coloro che risultavano sprovvisti di tale documento.

Anche il B1 però ha certamente una sua spendibilità, specialmente – ma non solo – per gli studenti: sono diversi, per esempio, i corsi di laurea in Italia che attribuiscono crediti a chi è già in possesso di una certificazione valida e riconosciuta di livello B1. In generale, è sempre comunque valido il principio per cui il possesso di una certificazione è un valore in più per il proprio curriculum vitae, in quanto dà una misura precisa delle proprie competenze linguistiche.

B1 di inglese: che cosa studiare?

Se state preparando un esame per certificare il vostro livello B1, il consiglio è quello di leggere con attenzione i requisiti linguistici e la struttura della prova d’esame in questione.

E’ opportuno ricordare che a livello B1 lo studente è in grado di:

  • capire i punti principali di un discorso su argomenti familiari con cui ha a che fare per lavoro, a scuola, nel tempo libero ecc.
  • affrontare le situazioni più comuni che si possono presentare viaggiando in un territorio nel quale è parlata la lingua in questione
  • produrre testi scritti semplici su temi conosciuti o di suo interesse personale.

Detto ciò, approssimativamente tra i requisiti grammaticali che potrebbero essere richiesti da esami a livello B1 figurano:

  • Zero and First Conditionals;
  • Past Continuous;
  • Uso di espressioni che esprimono preferenze;
  • Uso del present continuous per parlare di azioni future;

Tra le funzioni linguistiche equivalenti è possibile trovare le seguenti:

  • fornire ragioni
  • affermare la durata di eventi
  • parlare del futuro
  • parlare di eventi in corso in passato

B1 di inglese: che cosa sapere?

Raggiungere il livello B1 significa essere sulla strada per diventare un “independent user“, il quale viene fatto corrispondere al livello B2.

Un utente indipendente – B2 – è infatti in grado  di prendere appunti a una conferenza e comprendere i concetti principali che vengono esposti oppure fare una presentazione ed esser in grado di rispondere a eventuali domande, consigli e osservazioni da parte degli ascoltatori… Si tratta di attività ancora un po’ troppo complesse per chi ha invece un livello B1 ma, se questo è il vostro caso, non preoccupatevi: non vi manca molto per arrivare a essere un independent user.

Nel nostro paese, le indicazioni ministeriali auspicano che il livello B1 sia raggiunto dagli studenti al termine dei primi due anni della  scuola secondaria di II grado, anche se al momento gli studenti che arrivano ad avere questo livello già in tale fase del percorso di studi sono ancora una minoranza, il che dipende in larga parte dalla difficoltà – o dall’impossibilità – della scuola italiana di programmare in continuità.

Post recenti

Leave a Comment

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.